[U8] – Prestazione impeccabile, “catturato” il Lupo Alberto!


Come da ogni bel sogno, alla fine ci si risveglia, ma prima di ridestarsi dobbiamo ancora vivere l’ultima tappa della stagione.

 

Siamo a Rovetta, invitati al prestigioso torneo “Lupo Alberto” che quest’anno ha qualcosa di speciale visto che è giunto alla decima edizione. Appuntamento alle 9 presso il centro sportivo di Clusone. I bambini sanno che questo è l’ultimo torneo e che per qualcuno coincide anche con l’ultimo della categoria Under 8. Questo gli dà uno stimolo in più per dare il massimo e lasciare un segno.

Il girone di qualificazione ci vede impegnati contro le formazioni di CUS Milano, Rugby Crema, Pirati e Rugby Seregno. Purtroppo i nostri avversari del CUS Milano non si presentano e perdono a tavolino, ma le altre squadre sono altrettanto temibili e agguerrite. Iniziamo a giocare contro i ragazzi del Crema, ben organizzati e coriacei, ma dopo un inizio combattuto i nostri arieti fanno breccia e spianano la vittoria per il Sesto. Di seguito ci ritroviamo ad affrontare gli amici Pirati che già la settimana prima ci avevano dato filo da torcere nel torneo di casa. Oggi però i nostri bambini sono infallibili, vincono ogni contrasto e portano a segno ogni azione d’attacco. L’ultimo atto del girone ci vede impegnati contro il Seregno i cui giocatori vendono cara la pelle, ma nulla possono contro un muro invalicabile. Seguono i risultati:

 

Sesto – CUS Milano              10-0  (a tavolino)

Sesto – Crema                        5-0

Pirati – Sesto                          1-8

Seregno – Sesto                     1-6

 

Ci prendiamo una lunga pausa all’ombra con un occhio sulle partite dell’altro girone la cui vincente sarà la nostra avversaria nella semifinale. Vediamo giocare i bambini dell’Aquila; non solo per il rugby ma anche per la vita tifiamo per loro e per i loro genitori che, nonostante abbiano dovuto affrontare un cataclisma, percorrono centinaia di chilometri e si presentano al torneo con un sorriso e una gioia a dir poco contagiosi. Alla fine un lungo applauso speciale solo per loro da tutto il pubblico è qualcosa che rimane e va oltre ogni manifestazione sportiva.

Ma veniamo alla semifinale: dobbiamo affrontare il Como 2 e, da quello che abbiamo potuto vedere, è una formazione molto competitiva. Inizia la sfida ma noi questo trofeo lo vogliamo assolutamente portare a casa; così azione dopo azione guadagnamo campo, prendiamo fiducia, tamponiamo le loro azioni e avviamo le nostre fatte di schemi, passaggi e penetrazioni improvvise. La partita termina con un rotondo 8-0 per il Sesto che vale il pass per l’ambita finale.
Qui ad attenderci troviamo il Como 1 che ha brillantemente sconfitto il Noceto in semifinale. Inizia la partita e sembra la fotocopia della semifinale sia come gioco che come risultato finale: 8-0 per il Sesto e il Lupo Alberto è nostro!!!

 

Siamo ormai ai titoli di coda di un film durato quasi un anno, che ha lasciato tutti incollati alle poltrone con il fiato sospeso ed il cuore palpitante. Ci guardiamo in faccia ed a molti di noi vedo scorrere sulla guancia una lacrima speciale e incontenibile, che trasporta una moltitudine di emozioni e sentimenti: gioia per aver vinto un così bel torneo, orgoglio per essere genitori di questi bambini eccezionali, fierezza per far parte di questo gruppo, tristezza pensando che in qualche modo in parte il gruppo si dividerà, ed infine rabbia per non poter riavvolgere il tempo e rivivere una stagione così entusiasmante.

In conclusione, in una sola parola penso di interpretare il pensiero di tutti: “Grazie”.

Non si può non iniziare dai bambini che con la loro intelligenza, passione, caparbietà e con il loro spirito sereno e giocoso hanno reso leggera ma contemporaneamente intensa questa stagione. “Grazie” agli allenatori che hanno preso in mano un gruppo di bambini e li hanno resi una squadra in grado di competere con i più bravi, infondendo in loro il giusto spirito sportivo miscelato con la dovuta carica agonistica. “Grazie” ai colleghi accompagnatori che hanno confortato e aiutato i ragazzi nei momenti difficili. “Grazie” alla società che ha lavorato dietro le quinte per rendere tutto ciò possibile ed infine “Grazie” ai genitori per il loro sostegno e il loro costante supporto, ricordando loro che dietro un “grande” bambino ci sono sempre dei “grandi” genitori.
Auguro a tutti un’estate serena e spero di rivedervi a settembre pronti per una nuova stagione al top.

 

Adriano Buscema